Anno 2019

- Partecipazione al 4° Airbrush Talent Show, 19-20-21 luglio, Palazzo Rasponi dalle Teste - Ravenna,

con esibizione live di pittura ad aerografo su tela.

 

Anno 2018

- 19/26 maggio Bagnoregio (VT) , partecipazione alla mostra collettiva selezionata dall'Associazione Piero Taruffi auto e moto d'epoca in occasione del Taruffi Day e dei vent'anni del museo Piero Taruffi

- 5 Marzo, L'associazione culturale GSF, Gruppo Scrittori Ferraresi, intervista

Aerografando con Arianna Fugazza Art

5 marzo 2018 federicagraziadei

 

Entro nello studio di Arianna una mattina d’autunno – niente di più poetico- ad accogliermi una donna dolcissima, bella, gentile che mi affascina per la grande serenità che in pochi attimi riesce ad infondermi. Le mani delicate, le mani che creano.

Lo studio, ricavato all’interno della sua abitazione, in cui nella semplicità dell’arredo spicca un grande tavolo, i colori e l’aerografo strumento di una passione che è diventata il mestiere della sua vita. L’arte si respira in ogni angolo, le sue opere appese alle pareti che si accostano al bellissimo quadro di vita famigliare tra i libri di testo scolastici di uno dei tre figli che osservo sparsi sul tavolo della sala: si, perché Arianna è anche una madre dolcissima.

“ E’ un piacere rifugiarmi in questa parte della casa, che sia per un lavoro commissionato, o semplicemente a rincorrere l’ispirazione dopo aver ammirato un cielo. Non c’è niente di più grande e soddisfacente di questo. “Fai quello che ami e non lavorerai un solo giorno della tua vita” lo disse Confucio.

E come sfogliando un libro trovo un autentico tesoro, una testimonianza bellissima di una donna artista e da qui ha inizio la mia intervista:

“Chi è la donna /artista Arianna?”

Da che abbia memoria, nella mia vita la pittura ha avuto un ruolo da protagonista. I miei ricordi sono legati a colori, immagini, storie di pittori di tempi passati. A 13 anni il regalo più bello: una valigetta di legno colma di colori ad olio, pennelli ed un cavalletto. Preferivo stare nella mia cameretta a dipingere anche quando le amiche proponevo di uscire. Poi a 19 anni la svolta e così quasi per caso frequento un corso di aerografia a Bologna. Lo studio si affacciava sui tetti del centro storico ed era animato da ragazzi giovani ed una insegnante strepitosa, Silla Gardenghi, che mi ha trasmesso l’amore per questa arte. Dopo pochi mesi, quando ancora ero una principiante inesperta, vengo contattata da uno studio di aerografia di Modena che cercava collaboratori per un importante lavoro.

Quali caratteristiche personali e caratteriali deve avere una persona che vuole accostarsi all’aerografo?

L’aerografia è un’arte che richiede pazienza, tanta, precisione, e una certa predisposizione all’osservazione. Chi vuole accostarsi all’aerografia non dovrebbe essere una persona frettolosa ed insofferente; queste caratteristiche infatti non aiutano ad avere la giusta attenzione e concentrazione, porterebbero a risultati insoddisfacenti, disegni poco definiti e a colori mal accostati.

Quando hai deciso di poterne fare il mestiere della vita?

La decisione di farne un mestiere è stata abbastanza veloce. Dopo essere stata scelta dallo studio di aerografia di Modena per collaborare ad un progetto artistico, sono ufficialmente diventata un’aerografista per mestiere.

Quale soddisfazione provi quando completi un’opera?

Provo quella soddisfazione che penso sia comune a chi crede fortemente in ciò che fa. Un’opera, inoltre, la ritengo ultimata solo quando sono completamente convinta del risultato finale; dovessi avere anche una sola perplessità continuo nel lavoro anche a costo di perderci tanto tempo.

Il parere delle persone ti restituisce spesso sfumature e punti di vista diversi? O ti senti più spesso interpretata e compresa?

Dipende, capitano entrambe le situazioni. In ogni caso mi fa piacere ricevere pareri, opinioni e critiche delle persone, mi servono anche per capire meglio me stessa.

Trovi importante il riscontro del pubblico es. lo scrittore/poeta ama scrivere anche per essere letto, compreso, per condividere emozioni ma per trovare anche nuovi spunti, questa è la missione dell’artista. Che ne pensi?

Sì certo, è essenziale. D’altra parte non credo ci siano artisti ( forse qualcuno, si sa gli artisti sono un po’ pazzerelli) che nascondano la propria arte, le proprie creazioni per contemplarle in solitudine, porterebbe ad una sterilità di pensiero e di creatività. Le critiche inoltre, positive o negative che siano, servono sempre.

Che cosa rappresenta per te il momento creativo?

Quando mi frulla per la testa un’idea che desidero realizzare, mi sento euforica, mentalmente eccitata, è una sensazione molto bella e sento che sto facendo qualcosa di importante

Come nasce l’idea di una nuova creazione, da una ispirazione che nasce attraverso un’immagine, una sensazione, una esperienza di vita, un viaggio?

L’input può nascere da diverse circostanze, a volte mi è sufficiente guardare il cielo di un’alba e allora vengo ispirata da quella luce particolare. Poi le varie esperienze, anche quelle comuni di tutti i giorni mi stimolano. Osservare cò che mi circonda è veramente ispirante.

La pittura e l’arte oggi per te che ruolo hanno? Quale l’importanza per le giovani generazioni?

Io penso che pittura ed arte, oggi come allora, continueranno ad essere indispensabili per la vita dell’uomo; un mezzo che fa comunicare gli uomini tra loro e che sa trasmettere emozioni senza limitazioni e vincoli ( diversità di lingua, razza, religione, cultura). Le giovani generazioni, penso e spero, sappiano creare attraverso l’arte situazioni di scambio culturale che permettano loro di esprimersi liberamente.

L’arte è libertà.

I cieli che dipinge Arianna attraverso la sua polvere di colori, sono frutto di osservazione di cieli che guardano la bellissima campagna che si stende fuori dalla sua abitazione. Non solo azzurri e tersi ma cieli di nuvole forti, pesanti e cupe. Mostrano tutta la nostra serenità interiore ma ne svelano anche le inquietudini dell’anima, ci rappresentano molto bene.

Allora le opere dei cieli di Arianna mi rimandano alla stupenda poesia di Fabrizio de Andrè “Le nuvole” in tutto il suo denso significato. Le nuvole che continuamente vediamo passare e rimaniamo ad aspettare che piova.

Le nuvole ed il loro modo di essere mutevoli e cangianti, scure o candide, la capacità di assumere le forme più differenti e di offuscare  la luce del sole e delle stelle: “e ti sembra di non conoscere più il posto dove stai”.

“ Si mettono lì/ tra noi e il cielo”. Le nuvole che da una parte ci obbligano ad alzare lo sguardo per osservarle, dall’altra ci impediscono di vedere qualcosa più in alto di loro ma, pur condizionando la vita di tutti, sono fatte di niente, sono solo apparenza.

 

De André, Le Nuvole

Vanno vengono ogni tanto si fermano/e quando si fermano sono nere come il corvo/ sembra che ti guardano con malocchio.  Certe volte sono bianche e corrono/ e prendono la forma dell’airone o della pecora/ o di qualche altra bestia/ ma questo lo vedono meglio i bambini che giocano a corrergli dietro per tanti metri.

Certe volte ti avvisano con rumore /prima di arrivare e la terra si trema e gli animali si stanno zitti/ certe volte ti avvisano con rumore. Vanno vengono ritornano e magari si fermano/ tanti giorni che non vedi più il sole e le stelle/ e ti sembra di non conoscere più il posto dove stai. Vanno vengono per una vera mille sono finte/ e si mettono li tra noi e il cielo per lasciarci soltanto una voglia di pioggia.

Grazie Arianna per questo grande dono di libertà! Chapeau!

Federica

 

 

 

Anno 2017

- Le mie opere sono state catalogate nel portale dell'Archivio Monografico Dell'Arte Italiana

http://www.arteitaliana.org/fugazza-arianna/

- Rientro tra i soci sostenitori della nuova Associazione di aerografisti:

AIR ( Associazione Aerografisti Riuniti)

- 7/8(9 luglio: collaborazione e partecipazione alla seconda edizione di

Airbrush Talent Show, presso Castello di Carpineti (RE)

Anno 2016:

- Sabato 5 novembre, dalle ore 18.00, finissage

della mostra di aerografie presso Hotel de Prati, via Padiglioni 5, Ferrara. Dimostrazione live della tecnica ad aerografo, con accompagnamento musicale.    

  

- 17/30 settembre: partecipazione alla collettiva

 "ADUNANZA"  di MAD Gallery  Milano

 http://www.madgallerymilano.com/artists-september-2016

 - 16/17/18 settembre a Giovinazzo (Bari), 1° Festival Italiano di Aerografia.

 In mostra le opere di alcuni tra i migliori artisti dell'aerografo 

- Tele in mostra fino al 6 novembre 2016 presso Hotel de Prati, via Padiglioni 5 in  centro Ferrara. Per visite guidate in mia compagnia, prego contattarmi.

 

- 8 maggio: partecipazione, con esposizione di quadri, all'evento " Trasparenze"  organizzato dall'associazione AUDIO DIVINO presso il ristorante Nostrano,  Pesaro.

 

 

Collettiva d'Arte patrocinata dal Comune di Ferrara, organizzata dalla Galleria Artè Primaluce,

presso Palazzo Scroffa in via Terranuova 25 a Ferrara

dal 15 gennaio al 12 febbraio 2016

 

 

Anno 2015, cosa è successo:

 

Terminata l'esposizione de "I miei cieli", ovvero una serie di tele aerografate dedicate al cielo che osservo dal mio studio di aerografia, presso Il Don Giovanni-La Borsa bistrot in Corso Ercole 1° d'Este a Ferrara, ho partecipato alle seguenti iniziative:

 

Art Parma Fair 2015, 3/4 e 9/10/11 ottobre 2015: mostra-mercato dedicata all’arte moderna e contemporanea, presso il quartiere fieristico parmense all'interno dello stand di BIANCOSCURO Rivista d'Arte

Di seguito il link del catalogo:

http://issuu.com/biancoscuro/docs/cat_biancoscuro_artparma2015

 

TERRE DI VITE, 7 e 8 novembre 2015: evento dedicato al vino e all'arte organizzato dall'associazione culturale Divino Scrivere, il cui presidente, Barbara Brandoli, mi ha invitato a partecipare con la mia esposizione di tele. Nelle sale del Castello di Levizzano a Castelvetro di Modena, in mostra "istanti di cielo e terra", tele raffiguranti quegli istanti di cielo ma anche di terra, che mi soffermo a contemplare durante le mie passeggiate e che poi li rappresento attraverso il mio aerografo su tela.

www.terredivite.it

 

Mostra collettiva dal titolo "Alberi IV" giunta alla quarta edizione, presso Cantine del Castello Conti a Maggiora (NO), dal 14 novembre 2015 al 

6 gennaio 2016. Artisti presenti: Carlo Casanova, Giovanni Crippa, Alberto Fiorenzato, Renato Luparia, Guido Montemartini, Guido Omezzolli, Gregorio Piazza, Nadia Presotto, Oreste Sabadin, Roberto Aquari, Arianna Fugazza,

Carla Veronese.

 

XIV Rassegna d'Arte Contemporanea - Premio Nazionale Natiolum , Giovinazzo (BA), 

dall'8 al 20 dicembre 2015. Mostra collettiva organizzata dalla galleria d'arte AMartgallery di Antonella Merra

 

BIANCOSCURO Art Contest Winter Edition 2015: presente tra i 25 artisti selezionati. Le opere selezionate in mostra presso Cascina Lane di Baldichieri d'Asti fino al 17 gennaio 2016.

 

 

 

 

Arianna Fugazza, via della ginestra 168/7- Ferrara - Italy

ariannafugazza@gmail.com

+39 3286908208

  • Black Facebook Icon
  • Black YouTube Icon
  • Black Instagram Icon
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now